Vino Rosso Vittoria

Tenuta Valle delle Ferle Tenuta Valle delle Ferle

Caltagirone (CT)

Tenuta Valle delle Ferle nasce nel 2016 per volontà di due trentenni, Claudia Sciacca e Andrea Annino. Due ingegneri profondamente innamorati del proprio territorio che hanno deciso di riprendere in mano una storia millenaria, fatta di usi ed esperienze consolidatesi … continua

Un Nero d’Avola della “tradizione” non ritoccato, non modificato, non aggiustato ma solo il frutto vero della pianta che lo ha prodotto. Il Re dei vitigni autoctoni Siciliani viene prodotto in purezza con solo vinificazione in acciaio per conferirgli il mantenimento delle originali caratteristiche organolettiche. La nota di amarena si unisce ai sentori di prugna e more. Il corpo è deciso, intenso e persistente con una trama tannica presente ma non invasiva ed una freschezza che ne garantisce un buon invecchiamento. Tra 14° e 16°C accompagna carni rosse arrostite o alla griglia, con qualche grado in meno si sposa con passione anche al tonno.
Vino must dell’Estate. Vino gentile, raffinato, forte, intrigante. Tanto da farsi servire, in estate, a 12°C, fresco in alternativa al vino bianco e piacevole anche come elegante momento di piacere. Una produzione di tremila bottiglie circa per un Vino dal colore della ciliegia e la trasparenza dell’anima. Ad una temperatura di servizio di 14°/16°C riprende le Sue vesti di vino rosso che si accompagna a primi piatti di moderata struttura, secondi di carne e formaggi freschi e semi stagionati. Un complesso olfattivo che richiama più varietà di questo “accattivante” frutto: la ciliegia, che insieme alle essenze della carrubba ed alle note della prugna, già stimolato il palato. Il sorso sorprende per la decisione nell’ingresso, fresco e con quel tono alcolico che invita piacevolmente al sorso successivo. Piacevole la persistenza che si accompagna ad una consistenza che dichiara la nota alcolica della quota di produzione.
Vino must dell’Estate. Vino gentile, raffinato, forte, intrigante. Tanto da farsi servire, in estate, a 12°C, fresco in alternativa al vino bianco e piacevole anche come elegante momento di piacere. Una produzione di tremila bottiglie circa per un Vino dal colore della ciliegia e la trasparenza dell’anima. Ad una temperatura di servizio di 14°/16°C riprende le Sue vesti di vino rosso che si accompagna a primi piatti di moderata struttura, secondi di carne e formaggi freschi e semi stagionati. Un complesso olfattivo che richiama più varietà di questo “accattivante” frutto: la ciliegia, che insieme alle essenze della carrubba ed alle note della prugna, già stimolato il palato. Il sorso sorprende per la decisione nell’ingresso, fresco e con quel tono alcolico che invita piacevolmente al sorso successivo. Piacevole la persistenza che si accompagna ad una consistenza che dichiara la nota alcolica della quota di produzione.
© 2020
- P.IVA: 11870210017